Playstation Anthology piccola recensione

Eccomi qua, con il nostro appuntamento fisso (più o meno). Stavolta si arriva direttamente dalle ultime feste, e com’è risaputo queste sono più momenti di convivialità e relax piuttosto che di ricerca e approfondimenti in tema di videogiochi.

Non mi andava proprio però di lasciare vuoto il giorno in calendario, dato che avevo già mancato l’appuntamento precedente in quanto preso nella rimodernizzazione di tutta la baracca. Vi parlerò perciò di un libro che mi è arrivato a ridosso delle feste e che è stato qualcosa di veramente (stupentamente cit.) bellissimo. Come scritto nel titolo si tratta di PLAYSTATION ANTHOLOGY.

 

Partiamo da una piccola premessa però, il libro, per chi si è destreggiato di più su internet, non è affatto una prima edizione ma si tratta di una traduzione. Inizialmente, il libro, usciva in lingua francese edito da geeks line e suddiviso in 3 tomi. Successivamente i ragazzi hanno lanciato una campagna kickstarter per tradurre l’opera in lingua inglese (che risulta più fruibile) facendo un piccolo sunto (dove necessario), rivedendo l’impaginazione e utilizzando una forma scritta (che è una caratteristica intrinseca delle due lingue) più contratta. Il risultato è un bel librone ricco di informazioni con tanto di appendice con elenco di tutti i titoli pubblicati. Inizialmente per questi era prevista una forma fotografica il che ha contribuito in modo sostanziale nella riduzione dell’opera ad un solo libro.

Ma veniamo a noi.

Non nascondo che ho sempre prediletto i libri farciti di informazioni, e qui ce ne sono davvero tante, ai libri più “visivi” ( e che nessuno me ne voglia). Non nascondo nemmeno che la riduzione dei 3 libri ad uno solo mi lasciava decisamente perplesso. Complice il kickstarter (che in early bird risultava molto appetibile), complice “la voglia di libro” e complice anche il valore aggiunto di vedere il proprio nome nei credits ho “pledgiato”.

Il risultato, che fieramente stringo tra le mani, è un libro davvero ben riuscito. Nelle sue 385 pagine (che salgono a 458 nella collector’s edition ), vengono raccolte molte informazioni ed interviste. Il tutto è sviluppato in un formato molto apprezzabile, vale a dire il classico a4, che assurdo è ma rappresenta una giusta impaginazione che non affatica la lettura e che non risulta eccessivamente grande. Non che non apprezzi le guide in formato più piccolo, sia ben chiaro, ma queste, soprattutto quando sono ricche di informazioni, in linea di massima risultano molto “ammassate” e stressano leggermente la lettura (per lo meno come piace a me).

L’edizione in mio possesso è “naturalmente” la collector’s edition con una colorazione verde acqua per quanto riguarda la sovra copertina anti polvere e la relativa rilegatura e segnalibro, una colorazione esclusiva e riservata a chi ha partecipato al kickstarter. Scritto da Fabien Mellado,Mathieu Manent, Antoine Clerc-Renaud e Franck Latour.

Come detto prima il libro è il “sunto” (davvero ben riuscito) dei tre tomi già editi in francese dalla medesima casa editrice. Si struttura in una prima parte sulla storia della macchina (un 108 pagine), una seconda parte di interviste ai vari autori (156 pagine), una parte dedicata ai collectibles (72 pagine) e per finire una parte sugli hardware e cover art ( 49 pagine). Si aggiungono poi 73 pagine per la collector’s edition costituite da tutti i titoli usciti per PlayStation 1 ma organizzati nella classica lista “celo-manca”, e dove si è andata a smarrire tutta la parte cover.

Tutto sommato, a parer mio, il libro regge bene contro l’edizione precedente. Un libro solo ha il vantaggio di essere più maneggevole e di avere tutte le informazioni “pronte” all’uso, cosa che si andava a perdere nei tomi divisi per anno. Nota dolente è invece la mancanza delle cover (diciamo che alla totale assenza avrei preferito un ridimensionamento) ed alcune immagini soffrono un po’ di “resa” ma, sempre a parer mio, prediligo le informazioni alle foto. Nota positiva invece è, sempre dal mio modesto punto di vista, la presenza delle schede jamma e varie varianti nella parte software. Difficilmente mi è capitata una guida per home console che si spingesse fino all’esame di queste componenti.

Giudizio finale : Si prendetelo e fatelo vostro ! Vale tutti i soldi che costa !

Ci si vede, anzi ci si legge tutti al prossimo articolo !

http://www.geeksline-publishing.com/

 

CASSAcorporation

CASSAcorporation Gaming, Retrogaming e altro ! Gioco ai videogames da quando sono piccolo, me ne innamorai utlizzando un clone di pong e da allora non ho acora smesso di giocare. Più in là negli anni, e nel tempo libero, ho deciso di scrivere un blog sulla mia passione. Gran parte degli oggetti che vedi fanno parte della mia collezione

Forse potrebbero piacerti anche questi ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »